Catania cosa vedere in un giorno : il nostro itinerario

Itinerario aggiornato il giorno: 27/06/2023

In questo itinerario vi spieghiamo cosa vedere a Catania in un giorno; splendida tappa del nostro tour in Sicilia.


  • Italiano
  • Euro
  • UTC +1

Catania cosa vedere in un giorno : il nostro itinerario

Durante il nostro viaggio nella zona orientale della Sicilia, non potevamo non fare tappa a Catania. Abbiamo deciso di scrivere un itinerario di giornata per spiegarvi come visitare al meglio questa stupenda città. Catania venne quasi completamente ricostruita agli inizi del Settecento, dopo l’eruzione dell’Etna ed il terremoto che l’ha distrutta.

L’ ETNA

La nostra visita a Catania comincia appunto dall’Etna. Prendetevi del tempo per salire su questo meraviglioso vulcano. Noi ci siamo stati a Dicembre. E’ davvero una meraviglia veder questo mastodontico vulcano imbiancato. Lasciate la macchina al rifugio sapienza e poi salite con tour guidati in 4×4.

Etna

TEATRO ROMANO

Torniamo in città a Catania e facciamo tappa in hotel. Il nostro hotel Elios rooms si trova in via Manzoni, una via parallela della via Etnea, la principale di Catania. Decidiamo di visitare il centro a piedi, non essendo molto grande. E’ comunque possibile anche muoversi con mezzi pubblici o con mezzi turistici come il trenino hop on hop off e segway. Lasciamo l’hotel e ci dirigiamo al Teatro Romano e Odeon. Il teatro risale al II sec. D.c. e ospitava fino a 7.000 spettatori. E’ ancora possibile vedere l’orchestra, la cavea e alcune parti del palco. A pochi passi dal teatro si trova l’odeon, a forma semicircolare. Si pensa fosse utilizzato per concerti e spettacoli di danza.

Teatro Romano di Catania

PIAZZA DUOMO E FONTANA DELL’ ELEFANTINO

Ci spostiamo poi in Piazza Duomo. Qui si trova appunto la Cattedrale di Sant’Agata, stupendo esempio di arte barocca. Splendida la facciata realizzata in marmo bianco di carrara. Adiacente al Duomo si trova Palazzo Chierici, un tempo simbolo del potere della chiesa. La facciata del Palazzo è di colore scuro, essendo stati utilizzati materiali di originale vulcanica. In centro alla Piazza troviamo la famosa fontana dell’elefantino simbolo della città. L’elefantino è costruito in pietra lavica ed è collocato sul basamento della fontana. Dietro la Piazza si trova il mercato del pesce di Catania. Tutti i catanesi si ritrovano qui per acquistare pesce fresco e di qualità, e per fare quattro chiacchiere tra loro. Il mercato è aperto tutti i giorni fino alle 14 circa, tranne la Domenica.

Fontana dell'elefante di Catania

PIAZZA UNIVERSITÀ

Ci spostiamo verso la via Etnea e incontriamo Piazza Università, risalente almeno al 1696. Qui troviamo moltissimi bar e posticini carini dove trovare ristoro nelle calde giornate estive o nelle fredde giornate invernali (come nel nostro caso). Continuiamo per via Etnea, la via principale di Catania con meravigliosi palazzi di origine barocca ai lati. All’incrocio con Via San Giuliano giriamo a sinistra e incrociamo Via Crociferi. In questa via in circa 200 metri si trovano 4 chiese. La Chiesa di San Giuliano, esempio di arte barocca. La Chiesa di San Francesco Borgia, la Chiesa di San Camillo e la Chiesa di San Benedetto con annesso monastero.

Piazza Università, Catania

GIARDINI BELLINI

Poco più avanti, sempre sulle vie laterali di Via Etnea, raggiungiamo Piazza Stesicoro, dove si trovano una parte dei resti dell’anfiteatro romano. Questo anfiteatro per grandezza è secondo solo al Colosseo, ma ormai è stato ricoperto da case e costruzioni varie. Proseguiamo su Via Etnea, lunga circa 3 km fino al Giardino Bellini. Il Giardino risale al Settecento e viene utilizzato anche per concerti lirici. Si trova una flora molto varia, addirittura di provenienza subtropicale. Da non perdere anche il piccolo giardino zoologico all’interno. Di fronte al giardino si trova un’antica pasticceria catanese, Savia, dove noi ci simo gustati un’ottima granita con brioches, e gustosissimi cannoli siciliani.

Giardini Bellini, Catania